Articoli

Tra dispersione scolastica e scelta per l'autonomia

Ponte
Intervista di Francesca Ioannilli ad un'operatrice della formazione professionale

Dell’intervista che presentiamo ci sembra importante evidenziare due elementi che caratterizzano un pezzo consistente della composizione studentesca e che continuiamo a riscontrare nelle nostre esplorazioni nel mondo giovanile. Da un lato la scuola perde sempre più di senso per una crescente porzione di studenti e studentesse.

Etichette

From Kenosha with Love

kenosha
Intervista di Achille Marotta a Zenab Ahmed (Kenosha, Wisconsin) sull'ultimo episodio della rivolta Black Lives Matter, razza e classe nella «rust belt», la crisi del ceto medio statunitense e l’ascesa dei gruppi paramilitari di destra.
Come stai? Sei guarita dopo essere stata colpita con un proiettile di gomma? Sì, è quasi a posto, fortunatamente mi hanno sparato sul posteriore. È buffo, ma è anche una fortuna che sia successo lì, se mi avessero sparato alla spina dorsale o anche al coccige avrei avuto un problema davvero grave, quindi l'evoluzione mi ha guardato le spalle. Milioni di anni di evoluzione hanno condotto ad avere un punto del mio corpo dove è sicuro essere sparati. 

Il segreto laboratorio della formazione

Pigeons
Intervista di Rocco De Angelis e Alessio Resenterra a Luca Perrone sulle trasformazioni del mondo della formazione negli ultimi anni, in particolare dopo la pandemia da Covid-19
Quali sono stati i cambiamenti più rilevanti che hai potuto constatare a partire dalla tua esperienza personale? Io insegno nella scuola media di Pinerolo, ai margini dell’impero, è un livello di istituzione in grossa crisi d’identità. Si pensava di eliminarla con la riforma Berlinguer e anche le recenti rilevazioni dell'Invalsi individuano un crollo nei risultati della scuola media, sintomo di una crisi dell’istruzione italiana. Mi ritrovo in una situazione marginale di una zona provinciale senza innovazione didattica come nelle grandi città. Dentro questa scuola sono un rappresentante sindacale e svolgo anche la funzione di responsabile organizzativo in chiaro conflitto d’interessi.
Etichette

Sei tesi su complottismo e rivoluzione

Complottiamo
Un contributo di Alessandro Lolli, autore de La guerra dei meme (effequ 2017), il quale del complottismo si è già occupato: sei tesi dallo sguardo obliquo articolate per punti, utili per cominciare ad aprire un dibattito necessario sulla questione
Sempre più spesso, non solo come militanti politici, ci troviamo a confrontarci con il “complottismo”, o meglio, con le “soggettività complottiste”. Un fenomeno complesso che ha raggiunto una massa critica tale, all’interno delle società in cui viviamo™ e soprattutto della composizione di classe, da non poter più essere ignorato, tanto meno ridicolizzato o respinto. Attenzione: non si tratta qui di giustificare e assumere le credenze o le ideologie complottiste come veritiere, o, specularmente, schiacciarsi e riprodurre gli atteggiamenti e la narrazione delle centrali di produzione della verità dominante. Crediamo invece sia più proficuo indagare i processi materiali e soggettivi alla base della diffusione del fenomeno, per ricercarne origini, tendenze, fratture e possibili ambivalenze.
Etichette

Quei giorni in cui marciammo sulla testa dei re

genova 2001
Una Genova così non ve l'ha mai raccontata nessuno. Un racconto di Gigi Roggero.
«Ou, c’avevi ragione, mi sto divertendo un casino». È difficile vedere Cenzino, tra il fumo, gli occhi che bruciano, il sole che stordisce e il sudore che cola dalle fessure dell’improvvisato passamontagna. Però lo sento, e ha ragione: quando mi sono convinto ad andare a vedere cosa sarebbe successo, mai avrei pensato di prendere parte a una cosa del genere.
Etichette

Oltre l’innocenza

black square
Domande e riflessioni per un dibattito sulla razza in Italia, di Achille Marotta e Himasha S.
Genova, 6 Giugno. Centinaia di giovani, soprattutto ragazze afrodiscendenti, in presidio a Caricamento davanti al Palazzo di San Giorgio. Nonostante quello che avrebbero riportato i giornali, si è detto poco di George Floyd e degli Stati Uniti. La parola d’ordine era piuttosto la seguente: «l’italia non è innocente». Una frase ancora più significativa davanti al drago trafitto dipinto sulla facciata dell'antica banca.
Etichette

Il capitalismo non è in quarantena – Innovazione e conflitti nella crisi da Covid-19

worker
Conversazione con Salvatore Cominu - a cura di Giuseppe Molinari e Loris Narda (pubblicato anche su Kritik3)
A partire dagli spunti contenuti nel libro Frammenti sulle macchine, pubblicato per la collana Input di DeriveApprodi, discutiamo con Salvatore Cominu gli effetti che gli sconvolgimenti dell’emergenza sanitaria ed economica avranno sui processi di innovazione capitalistica, sulle prospettive di rilancio dell’accumulazione, sulle possibilità di un contro-uso della crisi.