Recensioni

Je ne suis pas leniniste, disse Lenin

l
Recensione di Gigi Roggero a «Lenin. La formazione di un rivoluzionario (1870-1904)»
Nei mesi scorsi è uscito il primo volume del progetto biografico su Lenin di Guido Carpi. In questa recensione Gigi Roggero sostiene che il sottotitolo, “La formazione di un rivoluzionario (1870-1904)”, oltre a indicare il periodo su cui il libro si concentra, può essere inteso in un doppio senso: quello più strettamente biografico, come fa l’autore, o quello più complessivo, in quanto processo di soggettivazione di una nuova figura di militante rivoluzionario. Nel complesso, si tratta di un testo e di un progetto utili per ripercorrere e «reincarnare» la misteriosa curva della retta leniniana senza cadere nella stucchevole agiografia del marxismo-leninismo o nella rimozione del rivoluzionario maledetto sia a destra sia a sinistra.
Etichette

Nello specchio del capitalismo della formazione

immagine
Recensione di Luca Perrone al libro del ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi, "Nello specchio della scuola" (il Mulino 2020).
"Nello specchio della scuola" è un testo di carattere divulgativo edito da il Mulino nell'ottobre 2020 nella collana "Voci", e che potrebbe essere considerato come uno dei tanti contributi sulla crisi della scuola italiana, se non fosse per il suo autore, Patrizio Bianchi, neoministro dell'Istruzione del governo Draghi. Bianchi, come noto, è un economista, è stato Rettore dell’Università di Ferrara fino al 2010 e Assessore alle politiche europee per lo sviluppo, scuola, formazione, ricerca, università e lavoro della Regione Emilia-Romagna, e in questo ruolo nel 2010-12 ha progettato e realizzato la riforma della formazione professionale regionale, suo cavallo di battaglia. Dal gennaio 2020 è stato direttore scientifico della Fondazione Internazionale Big Data e Intelligenza Artificiale per lo Sviluppo Umano. Ha fatto parte del gruppo di lavoro per la gestione della ripartenza scolastica nell'ambito della pandemia Covid voluto dal precedente ministro Azzolina. Nel 2018 ha inoltre pubblicato il libro "4.0. La nuova rivoluzione industriale". Un curriculum di tutto rispetto che forse non ne fa il rappresentante apicale del capitalista collettivo, ma che va ben al di là della ingenerosa maschera di Crozza. "Nello specchio della scuola" vale la pena di essere letto e discusso, e ha un interesse specifico per noi.

Ho letto «La valle oscura» e adesso odio i trentenni

a
Recensione a Anna Wiener, «La valle oscura» (Adelphi Edizioni 2020). Di Julia Page.
Del libro di Anna Wiener La valle oscura (Adelphi, 2020) si è parlato tanto e soprattutto si è parlato male. Ma si sa: di un libro o di un film non ci è mai interessato analizzare la trama o le scelte stilistiche, quanto gli spunti e le suggestioni. E in questo senso, il libro di Anna Wiener ci parla di identità, di nodi irrisolti nella questione di genere, di aspirazioni altoborghesi e del fallimento della formazione umanistica. In una parola, ci parla dei trentenni (poco più, poco meno). E leggendolo viene spontaneo chiedersi: come siamo finiti, dopo svariate lauree e master strapagati, a guardare serie tv in angusti bilocali, mangiando sushi che non possiamo permetterci e evitando l’ennesima telefonata preoccupata di mamma che ci chiede quand’è che troveremo il nostro posto nel mondo?

Black Fire. La complessità del sistema-razzismo

malcolm
Recensione di Gabriele Proglio a «Black Fire» (a cura di Anna Curcio, DeriveApprodi 2020).
Come ogni raccolta, anche Black Fire – a cura di Anna Curcio (collana Input, Derive Approdi 2020), può essere letta in molteplici prospettive. La prima, forse la più immediata, segue la traiettoria storica dei neri nelle Americhe, dalle resistenze alla schiavitù fino alle proteste siglate Black Lives Matter. Curcio, nelle pagine introduttive, riflette proprio sull’urgenza di «cogliere la profondità storica» delle rivolte nere, sullo smarcarsi dalla proposta mainstream delle insorgenze come mero epifenomeno, «come reazione o effetto per la morte di un afroamericano per mano di un poliziotto bianco».

Esiste una crisi dell’antirazzismo?

Tesfaù
Recensione di Mackda Ghebremariam Tesfaù a «Decolonizzare l’antirazzismo. Per una critica della cattiva coscienza bianca» (a cura di Tommaso Palmi, DeriveApprodi 2020).
L’idea di una “crisi” dell’antirazzismo è forse problematica da un lato perché la retorica della “crisi” ha pervaso ormai ogni spazio discorsivo e perso di capacità descrittiva, dall’altro perché l’antirazzismo europeo continentale non ha di per sé una lunga storia, e non è stato finora abitato da soggetti razzializzati. Per tanto l’idea che sia in crisi potrebbe paradossalmente essere troppo generosa. Forse è più vero, come postulato da Palmi nell’introduzione, che ci troviamo oggi a testimoniare della nascita di più movimenti antirazzisti in Europa, movimenti che iniziano ad avere una composizione postcoloniale più forte.
Etichette

La risata perduta della sinistra

dog
Recensione di Marco Duò ad Alessandro Lolli, La guerra dei meme. Fenomenologia di uno scherzo infinito, effequ, seconda edizione 2020.
Come se la passa la rana verde? I risultati delle recenti elezioni americane riaccenderanno la guerra civile digitale? Ma soprattutto, dov’è finito il cane giallo in copertina? Marco Duò, da vero king, riflette sullo stato dell’arte del meme politico a partire dalla nuova edizione de La guerra dei meme di Alessandro Lolli (effequ 2020), nel tentativo di delineare scenari e prospettive della nuova militanza online.
Etichette

«Ieri, e anche così non sarà presto abbastanza». Black Fire contro una storia delle «reazioni»

Assata
Recensione di Arlena Buelli a «Black Fire» a cura di Anna Curcio
Le rivolte antirazziste statunitensi del 2020 sono state presentate, da osservatori diversi e con vari registri, come un prodotto emotivo: la re-azione puntuale a un evento, destinata a esaurirsi senza produrre cambiamento – perché priva di leader identificabili, di una struttura organizzativa centralizzata, di un programma e così via. Problematizzare rappresentazioni e analisi di questo tipo non è solo urgente, ma è un tributo obbligato alla tradizione radicale nera, che in un secolo – quello coperto dalla raccolta curata da Anna Curcio – di storiografia, teoria e pratiche rivendica, per gli insorti e le insorte, la «libertà e possibilità di appropriarsi del meglio di quel che è disponibile», lottando contro la violenza razzista «in modi scelti da loro stessi».
Etichette

Un tempo di idee combattenti: la militanza politica a Weimar

Meriggi
Recensione di Maria Grazia Meriggi a La Repubblica di Weimar. Lotta di uomini e ideali, Diarkos 2020 di David Bernardini
Le fratture nel movimento operaio e nella composizione di classe, lo scontro politico strada per strada dentro una strisciante guerra civile, i tentativi di organizzazione militare della forza in un regime democratico e la vertigine ideologica dovuta alla crisi del mondo borghese: il libro di David Bernardini, attraverso il laboratorio di Weimar, ci porta nel cuore del Novecento, con uno sguardo all’oggi.

Nelle tempeste d’acciaio della crisi. Il nazionalbolscevismo tra ieri e oggi

Milis
Recensione di Franco Milanesi al libro di David Bernardini, Nazionalbolscevismo. Piccola storia del rossobrunismo in Europa, Shake, Milano 2020.
Dietro l’etichetta ormai inutile e inflazionata di “rossobrunismo” si cela la complessità di un fenomeno che appare recente ma ha una sua precisa genesi storica e ideologica di lungo corso, un suo sviluppo particolare che attraversa il Novecento come un torrente carsico, tra gli interstizi e le forre della storia, per poi riemergere nei passaggi di crisi. Tra memoria della militanza e potenziali attualizzazioni, originalità teoriche e vacui slogan antisistema, il nazionalbolscevismo sconfina dalla mera ricostruzione storiografica e interroga il presente e la sua incerta configurazione politica e sociale.