Lenin

Je ne suis pas leniniste, disse Lenin

l
Recensione di Gigi Roggero a «Lenin. La formazione di un rivoluzionario (1870-1904)»
Nei mesi scorsi è uscito il primo volume del progetto biografico su Lenin di Guido Carpi. In questa recensione Gigi Roggero sostiene che il sottotitolo, “La formazione di un rivoluzionario (1870-1904)”, oltre a indicare il periodo su cui il libro si concentra, può essere inteso in un doppio senso: quello più strettamente biografico, come fa l’autore, o quello più complessivo, in quanto processo di soggettivazione di una nuova figura di militante rivoluzionario. Nel complesso, si tratta di un testo e di un progetto utili per ripercorrere e «reincarnare» la misteriosa curva della retta leniniana senza cadere nella stucchevole agiografia del marxismo-leninismo o nella rimozione del rivoluzionario maledetto sia a destra sia a sinistra.
Etichette